AICA Barge

Associazione Imprenditori Commercianti Artigiani – Barge

header_QR_brd

Confraternita

flags_of_France
Parlez-vous français? Cliquez ici pour la traduction

La chiesa che appartenne alla Confraternita di Santa Croce (o Crosà, in dialetto locale) fu eretta nel XVII secolo, in stile barocco, su un preesistente edificio sacro di cui non si conosce l’intitolazione originaria. Di quest’ultimo resta solo la base del campanile, romanica, nascosta da un successivo rinzaffo e sopraelevata in epoca barocca. La facciata è semplice ed austera, ancora tardo rinascimentale e fu ridecorata negli anni Cinquanta, prima della nuova intotalazione all’Assunzione di Maria Vergine. L’interno presenta le caratteristiche salienti delle chiese barocche piemontesi. Interessanti le opere di scultura della macchina d’altare lignea, purtroppo vandalizzate dal recente furto di alcune sue parti. Di buona esecuzione, anche se rimontante ai primi dell’Ottocento, anche il pulpito ed il confessionale sottostante, con interessanti pannelli scolpiti, che raffigurano giacobini in atto di perseguitare un sacerdote.
Nel coro, oltre agli stalli lignei dei cantori, si vede una pittura murale che raffigura alcuni contadini oranti.
Si conservano nella chiesa pure i bastoni processionali dei Battuti e altri documenti relativi alla Confraternita di Santa Croce.
Un canto cinquecentesco, già composto in lingua italiana regionale, appartenente alla medesima Confraternita e scritto da un sacerdote locale è stato recentemente pubblicato e commentato.

Giorgio Di Francesco

cornicemonumenti

confraternita1confraternita2confraternita3confraternita4confraternita5confraternita6confraternita7confraternita11confraternita10confraternita9confraternita8

foto: Filiberto Comba - www.filibertocomba.com